viabizzuno

worldde

world

blue mountain school
Ort:shoreditch, londra, regno unito
Projekt:6a architects
Käufer:james brown & christie fels
Beleuchtungsprojekt:charlotte fonfara
Technischer Gebietsverantwortlicher:jonathan morrish
foto:johan dehlin, lewis ronald
la blue mountain school si snoda dietro la scintillante facciata argentea di un angolo di redchurch street. come vuole la tradizione delle case museo, l’edificio è un insieme di stanze e usi, ospita un archivio di moda, spazi espositivi, una cucina, una cantina, una profumeria, spazi per l’ascolto e vari set di stanze realizzate da designer internazionali. per trasformare questo complesso edificio di sei piani, 6a architects ha condotto una collaborazione triennale con james brown e christie fels, direttori creativi del negozio di culto di shoreditch, hostem. una scala monolitica in rovere, circondata da pareti in acciaio zincato e vetro collega i vari piani e le varie funzioni. le lampade bacchetta magica illuminano le superfici in gesso morbido, rosa e grigio, che fanno da sfondo ad opere d’arte, abiti ed oggetti di ceramica. l’intero edificio è segnato da pavimenti in rovere grezzo, che invecchiando acquistano l’inesorabile patina del tempo. nel seminterrato, un archivio a doppia altezza custodisce le inconfondibili collezioni di abbigliamento di hostem. la crescente collezione rifugge la caducità commerciale del fashion retail, concentrandosi invece sulla conservazione e sull’importanza culturale delle sue opere uniche, archiviando gli abiti tra artefatti e opere d’arte. i singoli pezzi vengono svelati singolarmente, come in un museo. la soluzione illuminotecnica aiuta a sottolineare questo concetto, le bacchette magiche forniscono una luce generale a tutto lo spazio, mentre un unico gruppo di faretti n55 permette di illuminare uno scompartimento solitario. una sfida architettonica è stata quella di adattarsi al numero limitato di punti luce così come alla necessità di rendere ogni apparecchio di illuminazione un oggetto a sé stante. le lampade, oggetti tecnici, si mostrano e forniscono ad ogni spazio la flessibilità di cui aveva bisogno. nella sala da pranzo privata viene ricreata l’atmosfera di casa, il calore di un gruppo di vecchi amici che si ritrovano. la barra d’oro produce una luce intima e soffusa sul tavolo, e la sobrietà del suo disegno ben si inserisce nell’architettura dell’edificio.

scroll

mouse

HTML 4.01 Valid CSS Page loaded in: 3.104 - Powered by Simplit CMS