viabizzuno

worldit

iscriviti alla newsletter

iscriviti alla newsletter

world

casa sul canale di diipa buller-khosla
luogo:amsterdam
progetto:gabriela puig soleille
progetto illuminotecnico:Viabizzuno inamsterdam
foto:carole martinod
direzione lavori:gabriela puig soleille
ciò che rende amsterdam una città tanto incantevole è sicuramente la sua fitta rete di canali. queste vie d’acqua, non a caso entrate a far parte del patrimonio dell’unesco nel 2010, rappresentano l’anima e la storia della città, se non dell’intero paese. a rendere l’atmosfera dei canali così magica, sono sicuramente le case costruite lungo le rive: alte, strette, talvolta un po’ storte e pendenti, con tante finestre, ognuna unica e affascinante. fra gli abitanti di questi peculiari edifici c’è anche diipa büller-khosla, influencer indiana che, insieme a suo marito e socio in affari, ha acquistato una casa del 1614 originariamente costruita come orfanatrofio maschile. la volontà dei proprietari di casa è sempre stata quella di mantenere gli aspetti architetturali tradizionali delle case sui canali: i camini, le porte a due battenti, le modanature. con l’aiuto dell’architetto gabriela puig soleille e del direttore creativo mirko musmeci, questo edificio abbandonato per trent’anni si è trasformato in un rifugio familiare avvolto dalla tranquillità. le finiture hanno i toni pacati della natura come il bianco, il beige e le sfumature calde del legno, mentre gli arredi sono un sapiente combinazione di pezzi unici, elementi vintage e componenti moderni, con un tocco di sapore indiano che rende l’ambiente davvero personale. nel soggiorno, oltre che dal grande lampadario storico proveniente dal grand ritz hotel di praga, la luce è data da n55 parete con braccio con diffusore tc01, che rende la stanza ospitale e allo stesso tempo preziosa. sopra al pregiato piano cucina in marmo venato, la luce si integra nell’arredo grazie a microtraccia con faretto micromen. poco oltre, la luce si fa opera d’arte con lampada rotonda, che fa dell’illuminazione indiretta la sua caratteristica principale, lasciando che quella diretta esca solo da un piccolo foro al centro della lastra, rendendo questa lampada sorprendente nella sua semplicità. accanto al tavolo da pranzo, fra la luce naturale che entra dalla finestra e la luce del fuoco che arriva dal camino, si trova coppibartali a parete con due moduli, che con eleganza riprende i toni degli arredi e lo stile delle finiture. nel passaggio delle scale che conducono al piano semi interrato, sempre mia indica la strada con i suoi riflessi preziosi in ottone e cristallo. nella nicchia che corona le scale, una piccola scultura di ganesha è suggestivamente illuminata da un binario di microtraccia perfettamente integrato nella muratura con faretto trentotto. scendendo le scale, l’atmosfera si fa ancora più intima e raccolta: la luce naturale arriva con grazia dalle finestre poste in alto, mentre il calore del legno diventa vivido alla luce dei faretti p1, installati direttamente sui mattoni originali. n55 lanterna con vetro ddp01si sposta con le persone che vivono lo spazio e porta la luce solo dove serve. nella nursery dedicata alla piccola di casa, l’ambiente è reso giocoso e allegro da una carta da parati floreale, su cui lenticchia sembra prendere posto come parte della trama, apportando una luce diffusa e rilassante in tutto lo spazio.

scorri

mouse

HTML 4.01 Valid CSS Pagina caricata in: 3.276 secondi - Powered by Simplit CMS