viabizzuno

worldit

world

Viabizzuno illumina 'dear to me' la mostra del maestro peter zumthor alla kunsthaus bregenz.
nel 1997 inaugura a bregenz, lungo le rive del lago costanza, la galleria d’arte kunsthaus progettata dal maestro peter zumthor. protagonista del progetto architettonico è la luce naturale che entra nelle sale interne attraverso un sofisticato sistema di rivestimenti in vetro, dando forma e profondità agli spazi con le sue continue variazioni e differenti intensità. in occasione del ventesimo anniversario, l’architetto svizzero ha disegnato e allestito la mostra ‘dear to me’, uno spazio per la presentazione e l’ascolto delle iniziative artistiche a lui più care. pannelli geometrici, disposti alle pareti come dipinti astratti, incorniciano lo spazio del piano terra, arredato con sedie e sgabelli disegnati dal maestro. in questa sala vengono ospitati musicisti, scrittori, filosofi, scienziati e artigiani che hanno ispirato e condiviso i suoi lavori. come la compositrice austriaca olga neuwirth, la fotografa hélène binet o la coppia di artisti gerda steiner e jörg lenzlinger, chiamati anche ad esporre le proprie opere all’interno della mostra. il primo piano rinuncia a qualsiasi riprogettazione: il soffitto di luce naturale e il pavimento terrazzo lucido, avvolto dalle pareti in pietra, sono già manifesto dell’architettura del maestro. al secondo piano, spesse librerie creano un labirinto elicoidale attorno ad uno spazio centrale aperto. si tratta della biblioteca della galleria, spazio per letture pubbliche e ricerche private, dove Viabizzuno ha presentato la nuova lampada fiore, progettata insieme a peter zumthor. un apparecchio di illuminazione da terra con base cilindrica in acciaio, uno stelo fisso, flessibile all’estremità, e un diffusore rivestito in pelle nera lavorata a mano in italia. la lampada, dotata di un sistema di accensione e dimmerazione con potenziometro manuale, sembra nascere dal cemento: priva di qualsiasi cavo di corrente, è alimentata dalla batteria li-ion interna con un autonomia di 12h. una presenza semplice e delicata, ma dall’alto contenuto tecnologico, in uno spazio che raccoglie le ispirazioni e i ricordi di un grande maestro dell’architettura internazionale. kunsthaus: sostantivo neutro, dal tedesco ‘casa degli artisti’, indica un edificio nel quale vengono realizzati convegni, mostre ed esposizioni artistiche. si potrebbe tradurre con ‘galleria d’arte’, benché abbia un’accezione più ampia e specifica, riferendosi a uno spazio che ospita molteplici progetti e al quale collaborano diversi artisti. fiore: sostantivo maschile, dal latino flos floris la parte più bella e appariscente della pianta, che contiene gli apparati della riproduzione: è un germoglio trasformato che porta speciali foglie adibite alla funzione riproduttiva, differenti dalle normali foglie per forma e grandezza. nell’uso comune, alcuni fiori sono indicati col nome stesso della pianta, ad esempio ‘una rosa’. ‘dai bei rami scendea, dolce ne la memoria, una pioggia di fior’ sovra ’l suo grembo’. (francesco petrarca, canzoniere) in senso figurato, la parte migliore, la parte scelta, il periodo più bello, la giovinezza: il fiore degli anni. non credere che l’avvenire sia sempre rose e fiori. ‘tu fior de la mia pianta percossa e inaridita, tu de l’inutil vita estremo unico fior’. (giosuè carducci, pianto antico) nella storia dell’arte, per lungo tempo i quadri floreali sono stati considerati un tema minore. eppure, soprattutto dall’ottocento, alcuni dei più grandi pittori si sono misurati con la rappresentazione dei fiori. jan brueghel il vecchio, pittore fiammingo, già nel seicento dipingeva vasi e cesti fantasiosi e variegati, dai toni caldi e brillanti. i più famosi sono i girasoli di van gogh, dall’inconfondibile giallo cadmio, ritratti in ciascuna fase della fioritura, dal bocciolo all’appassimento, al pari dei giardini di monet, un tripudio di rose, iris, tulipani, campanule, gladioli, glicini e ninfee. fiore, lampada progettata nel 2007 dall’architetto peter zumthor, fabbrica di produzione Viabizzuno. apparecchio di illuminazione da terra, parete e sospensione per interni IP20. modelli: fiore terra con base in acciaio aisi 304 diametro Ø140mm h.134mm, stelo fisso diametro Ø16mm h.1130mm, stelo flessibile diametro Ø13mm 600mm e diffusore conico diametro Ø80mm h.150mm; accensione e dimmerazione con potenziometro lineare, batteria li-ion autonomia 12h, carica batteria con cavo l.2000mm 120-240V 50-60Hz incluso. accessori: batteria supplementare, carica batteria, batteria e carica batteria supplementare, carica batterie supplementare 1, 5 e 10 moduli. fiore parete con stelo flessibile diametro Ø13mm 600mm, diffusore conico diametro Ø80mm h.135mm; accensione e dimmerazione con potenziometro lineare, alimentatore in tensione costante 24Vdc escluso da installare remoto. fiore soffitto con rosone di alimentazione diametro Ø80mm h.180mm, tige 400mm e stelo flessibile diametro Ø13mm 600mm; alimentatore 120-240V 50-60Hz incluso. cablato con sorgente elettronica Ra95 2700K 4,5W 337lm. ottiche: 20°. finiture: corpo lampada cromato, diffusore ricoperto in pelle nera con lavorazione eseguita a mano in italia

scorri

mouse

HTML 4.01 Valid CSS Pagina caricata in: 3.073 secondi - Powered by Simplit CMS